il blog di Dievole

Il Tartufo in Toscana: caccia, ricette, abbinamenti


La caccia al tartufo è una splendida attività autunnale e un’esperienza veramente unica che può essere fatta in Piemonte, Umbria e Toscana. È possibile andare a caccia di tartufi in Toscana con il più grande commerciante di tartufi d’Italia, Savini Tartufi. L’azienda propone una esperienza di mezza giornata, durante è possibile cercare i tartufi e poi gustarli preparati dal loro chef. Andare a caccia di tartufi è molto divertente e regala anche grande soddisfazione, soprattutto se poi puoi cucinarli!

La caccia dei tartufi in Toscana

Tartufo in Toscana
Caccia ai tartufi in Toscana … in grande stile con Savini Tartufi

I tartufi sono uno dei prodotti alimentari più pregiati, hanno la caratteristica distintiva di essere quasi impossibili da coltivare – ad eccezione dello scorzone nero, in quantità limitata – quindi il loro prezzo rimane elevato. Questo spiega perché i cacciatori di tartufi professionisti tendono ad essere piuttosto riservati riguardo ai luoghi dove trovano li trovano. Ma alcune aziende si sono aperte al “turismo del tartufo” ed è quindi possibile scoprire almeno alcuni dei segreti di questa forma di caccia amica degli animali.

Se hai l’immagine di un maiale che scova un tartufo, devi ripensarci: i maiali si sono rivelati piuttosto difficili da addestrare, perché ne sono golosi. I cani, invece, possono essere addestrati a godersi la caccia, a rinunciare al tartufo e ad accettare un premio alternativo come ricompensa. Alcune razze di cani sono più adatte di altre, come ad esempio il simpatico Lagotto Romagnolo dai capelli ricci, che, solitamente fangoso, vedrai spesso in questo ruolo.

Ci siamo incontrati con i nostri amici di Savini Tartufi, nella loro sede di Forcoli, nella Valdera pisana, per provare il loro pacchetto “Tartufo Experience“. Hanno anche un piccolo museo che spiega cosa sono i tartufi, e racconta la storia di questa azienda a conduzione familiare, ormai giunta alla quarta generazione. Abbiamo quindi guidato verso il nostro “terreno di caccia” in un land rover con due cani eccitati.

La caccia al tartufo in Toscana è anche l’occasione per fare una bella passeggiata nei boschi, una piacevole attività in una fredda giornata autunnale; siamo stati guidati dal cane di Savini, Giotto Junior, che ci ha accompagnati correndo lungo la strada e annusando eccitato. Ci sono stati alcuni falsi allarmi prima che Giotto captasse l’odore di un Tube Melanosporum sepolto abbastanza lontano nel terreno. Ha sollevato molta sporcizia, seppellendo il naso per estrarre il tartufo, un lavoro che la nostra guida ha concluso per lui. Scuotendo la coda, Giotto è stato felice di rinunciare al prezioso tubero mentre riceveva un dolce per cani. Affamati, siamo tornati alla base, pronti per il pranzo!

Cucinare con i tartufi – le ricette più comuni

È facile cucinare con i tartufi perché, grazie al loro sapore deciso, devi solo preparare una base semplice che lo esalti. I tartufi più freschi, come quelli che abbiamo trovato oggi, possono essere semplicemente affettati sopra un piatto di pasta, di riso o delle uova, il cui calore diffonde odore e sapore. Alcuni tartufi sono destinati a essere conservati in altri modi, come salsa al tartufo, sale, olio e altro ancora.

Truffle pasta
Le fettuccine con il tartufo sono un classico

Il piatto classico, facile da preparare è la pasta fresca all’uovo con il tartufo. Bisogna far bollire rapidamente abbondante acqua salata, quindi scolare la pasta e aggiungere burro oppure un po ‘di burro al tartufo, o una salsa al tartufo o anche olio al tartufo, e infine grattugiare delle lamelle di tartufo bianco o nero.

Uovo al tartufo
Uova al tartufo

Il “secondo” più semplice è l’uovo al tartufo, che esalta il sapore del tartufo fresco ed è una vera prelibatezza. Usa le uova più fresche che puoi trovare per ottenere il migliore risultato. Scalda una padella o un piatto di terracotta in forno in un forno molto caldo a 250 ° C per circa 15 minuti. Estrai con cura i contenitori, aggiungi del burro sul fondo e apri un uovo, quindi rimettilo a cuocere in forno per 2 minuti. Tiralo fuori e appena prima di servire, cospargi di sale al tartufo e grattugia sopra il tartufo fresco.

Abbinamenti di vino al tartufo

Dievole Campinovi e una pasta al tartufo di Savini

Quali vini possono essere abbinati con i piatti al tartufo? Alcuni vini devono essere esclusi subito: un vino bianco leggero e neutro non resiste ai forti aromi del tartufo, mentre i sapori floreali di un bianco aromatico possono sopraffarlo. Allo stesso modo, un vino rosso giovane e semplice – o potente – travolgerà il piatto al tartufo.

Di norma, con i piatti illustrati qui, come la pasta al tartufo, il riso o le uova, l’abbinamento migliore è un vino bianco cremoso e invecchiato. Dalla nostra cantina, noi consigliamo Dievole’s Campinovi Bianco Toscana IGT, un 100% Trebbiano Toscano invecchiato per 12 mesi in barrique.

Se stai preparando un piatto di carne rossa al tartufo, come una tagliata al tartufo, cerca un vino rosso con caratteristiche terrose e fungine che resisterà agli intensi sapori del piatto mentre i suoi tannini e l’acidità bilanciano la carne.