il blog di Dievole

Alla scoperta di Siena e dintorni per gli amanti del vino

A Siena di cose da vedere ce ne sarebbero in realtà centinaia, potrei sbizzarrirmi creando una lista di 100 possibili attività interessanti da svolgere ma per concentrare una visita e trasformarla in un tripudio di emozioni, vi consiglio le indimenticabili 5 cose fare.

1. Il panorama dalla Torre Del Mangia

Una tra le mie prime attività quando arrivo in una nuova città è quella di cercare il miglior punto panoramico per osservarla dall’alto. Non c’è luogo migliore per vedere Siena che dalla Torre del Mangia. Alta 87 metri, con i suoi 450 stretti gradini un po’ faticosi da risalire offre come premio all’arrivo un’emozionante vista a 360 gradi tra i palazzi medievali, chiese e piazze dove il color “terra di Siena” domina tra i tetti della città.

 

 

Curiosità: questa torre prende il nome da Giovanni di Duccio: il primo custode che sperperava tutti i suoi guadagni mangiando nelle osterie di Siena. I senesi lo avevano chiamato “il Mangiaguadagni”, da cui Torre del Mangia.

 

2. Sedersi in Piazza del Campo

piazza-del-campo

Piazza del Campo

 

Lungo i miei viaggi di piazze ne ho viste molte, ma una tra le mie preferite è senza alcun dubbio la Piazza del Campo. Singolare ed originale, la sua forma di conchiglia a spicchi con il suo leggero dislivello, la rende un luogo perfetto per sedersi a terra e rilassandosi poter ammirare tutt’intorno le belle facciate dei palazzi nobiliari.

Proprio qui si svolge il famosissimo Palio di Siena, dove agguerrite contrade si sfidano in questa mitica corsa di cavalli, ma è l’atmosfera magica di questa piazza a renderla un must da visitare.

Curiosità: nella parte più alta della piazza si trova la bellissima Fonte Gaia, una fontana chiamata così per ricordare la gioia dei senesi quando venne costruita.

 

3. Fare un viaggio tra i vini a Dievole

La Toscana è da sempre la terra del vino ma per un’immersione totale nella sua storia locale e per avere un’autentica esperienza a 360 gradi rispetto al ciclo produttivo di un ottimo Chianti Classico vi suggerisco il Dievole Wine Tasting Tour.  Gusti inconfondibili e di qualità in un itinerario che parlerà anche del rispetto del territorio che la tenuta Dievole applica per preservare le caratteristiche uniche delle loro uve di qualità.

Dove si trova?

Qui ho scoperto che oltre ad intendersi di vino sono molto bravi anche con l’ospitalità: Dievole offre camere, suite ed appartamenti familiari arredati con gusto che oltre alle stanze, conferisce eleganza e prestigio a tutta la struttura.

 

4. Il Duomo di Siena

duomo-di-siena

Il Duomo di Siena

 

Che voi amiate lo stile gotico/romano, l’architettura o che siate credenti o meno poco importa, il bello che si trova all’interno del Duomo di Siena è indiscutibilmente emozionante, anche prima di entrare. Quando si spalanca l’alta porta, come ad uno spettacolo si apre il sipario di colonne e decori di blocchi di marmo bianchi alternati da strisce verdastre, questi sono i colori che rappresentano Siena. Il costo d’Ingresso è di 14 euro, ma li vale tutti, anche solo per la grande quantità di tesori firmati Michelangelo e Donatello che custodisce.

Per risparmiare sugli ingressi delle attrazioni della città consiglio l’OPA Si Pass che permette il 50% di sconto nell’acquisto di biglietti

Orari di apertura del Duomo

1 marzo – 1 novembre: 10:30 – 19:00  

                         Festivi: 13:30 – 18:00

                    Prefestivi: 10:30 – 18:00 


2 novembre – 28 febbraio: 10:30 – 17:30

                               Festivi: 13:30 – 17:30

                          Prefestivi: 10:30 – 17:30


26 dicembre – 8 gennaio: 10:30 – 18:00

                             Festivi: 13:30 – 17:30

                        Prefestivi: 10:30 – 17:30 


Apertura Domenicale solo per il mese di Marzo: 13:30 – 17:30

 

5. Battistero di San Giovanni

 

Lorenzo di Pietro Articoli del Credo

Lorenzo di Pietro Articoli del Credo

 

Il Battistero di San Giovanni potrebbe essere considerato il meeting point di alcuni tra gli artisti di spicco del primo Rinascimento costituendo uno dei luoghi più rilevanti della pittura senese dei primi del 400. Le opere del Donatello, di Lorenzo Ghiberti, Lorenzo di Pietro e Jacopo Della Quercia attendono il visitatore per farsi ammirare. All’interno del Battistero (chiamato anche Pieve) diviso in tre navate, si notano le volte completamente affrescate da Lorenzo di Pietro che narra Gli Articoli del Credo, uno spettacolo che mi ha tenuto con il naso all’insù per parecchi minuti.

 

Fonte Battesimale

Fonte Battesimale

 

Tra le sorprese che il Battistero custodisce, vi consiglio di cercare “Fede e Speranza”: le due statue bronzee realizzate dal Donatello, poste lì, dove la Fonte Battesimale a vasca esagonale imperiosa si erge.

Orari di apertura

1 marzo – 1 novembre: 10:30 – 19:00 
2 novembre – 28 febbraio: 10:30 – 17:30
26 dicembre – 8 gennaio: 10:30 – 18:00 

Prezzi:

Intero: 4 Euro, ridotto 2,5 euro