il blog di Dievole

Sicilia e vino: itinerario gourmet sulla strada dell’Etna

Una Guida essenziale al wine tourism in Sicilia, con itinerari per scoprire e degustare i vini più buoni e le eccellenze enogastronomiche all’insegna di gusto e relax.

Dalle zone collinari, a quelle vulcaniche, isole incluse, la viticoltura copre un territorio esteso per migliaia di ettari, tra le più rigogliose d’Italia. L’enoturismo in Sicilia è tra i settori dalla maggiore crescita. Già un paio di anni fa i numeri hanno riconosciuto l’impatto del turismo enogastronomico, tanto da vedere la Sicilia sul podio tra le migliori destinazioni italiane da visitare per un viaggio enogastronomico. Guardiamo insieme un itinerario di wine tourism alla scoperta di tradizioni e sapori della Sicilia.

Benvenuti in Sicilia

Sicilia, una perla del sud Italia

La Sicilia è la più grande isola italiana, divisa dal continente dallo Stretto di Messina e bagnata dallo Ionio, dal Tirreno e dal Mediterraneo. Una delle perle del sud Italia, tutta da scoprire, conoscere e vivere attraverso un ventaglio di itinerari alternativi che spaziano, a seconda dei gusti e delle esigenze, tra natura, storia e tradizione. In questa terra, il Mediterraneo offre scenari, profumi e sapori così unici e intensi che solo una natura incontaminata può regalare. Basti pensare alle isole che circondano la Sicilia: Eolie, Egadi, Pelagie, Pantelleria e Ustica: così simili per la bellezza del loro territorio e così peculiari per natura, tradizione, arte e storia. E non dimentichiamo i suggestivi vulcani, alcuni dei quali mai sopiti come l’Etna e lo Stromboli.

I vini della Sicilia

La Sicilia è un territorio ricco di storia, arte e cultura, ma anche una regione con profonde e antiche tradizioni vinicole. La Sicilia, oltre ad incantare il visitatore con le innumerevoli bellezze naturali e con i suoi profumi, colpisce anche per la varietà della cucina e con il fascino dei suoi vini. In Sicilia nascono vini dalla lunga storia come il Marsala, ma anche profumati vini da dessert come il Passito di Pantelleria e la Malvasia delle Lipari, senza dimenticare il Moscato di Noto e di Siracusa, robusti vini rossi e interessanti vini bianchi. Questi e molti altri vini sono gli artefici della rinascita enologica della Sicilia e hanno reso celebri anche le uve con cui sono prodotti, come il Grillo, Catarratto, Inzolia, Zibibbo, Malvasia e Nero d’Avola. Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio, Carricante e Catarratto sono i protagonisti indiscussi delle sue denominazioni Etna Rosso DOC e Etna Bianco DOC, una delle denominazioni più antiche d’Italia (1968), “un’isola nell’isola” per peculiarità pedoclimatiche, la variabilità climatica e dei suoli.

Wine Tourism in Sicilia

Perla del sud Italia, tutta da scoprire, conoscere e vivere attraverso un ventaglio di itinerari alternativi che spaziano, a seconda dei gusti e delle esigenze, tra natura, storia e tradizione. E proprio la natura sembra aver destinato a questa terra le sue maggiori meraviglie: monti, colline, e soprattutto il mare, che con i suoi incredibili colori, la trasparenza delle acque e la bellezza dei suoi fondali primeggia sugli altri mari. Un fascino arricchito anche dalle preziose testimonianze archeologiche che raccontano le antiche origini e dai tanti monumenti, testimonianza di un’arte che ha saputo forgiarsi nel corso dei secoli. Tra le peculiarità di questo territorio ci sono due suggestivi vulcani, lo Stromboli e l’Etna, il più grande vulcano attivo in Europa, situato nella Sicilia orientale ed una delle tappe fondamentali per scoprire questa terra. Le sue spettacolari eruzioni hanno creato, nel corso dei secoli, panorami unici al mondo. Chi è interessato al paesaggio può scegliere tra le aree protette dei parchi regionali delle Madonie e del Nebrodi, e il paradiso vulcanico di Pantelleria, costellato da scorci incantevoli. Le isole che circondano la Sicilia sono numerose e ricche di fascino, ma una citazione a parte la meritano le Eolie inserite nel patrimonio dell’Unesco, insieme a La Valle dei Templi di Agrigento, Siracusa e Necropoli di Pantalica, la Val di Noto e la Villa Romana del Casale. E non dimentichiamoci di Taormina, definita da Guy de Maupassant come un piccolo gioiello a metà strada tra Messina e Catania.

Cantine da visitare in Sicilia

Se parlate con uno straniero appassionato di vino italiano ricorderà sicuramente la Sicilia. Ebbene, la Sicilia è una delle regioni italiane che piace di più. Ha un fascino ancestrale, inoltre, nella “California Italiana”, come molti stranieri la chiamano per alcune similitudini, troviamo vini meravigliosi e ricchi di fascino. Ecco le cantine che vi consigliamo di visitare:

Cantina Benanti
  • Cantina Benanti: fra i pionieri del “miracolo etneo” troviamo Giuseppe Benanti, farmacista siciliano, che nel 1988 ha sentito riaccendersi la fiamma della viticoltura e ha dato vita a una produzione di qualità: gli si deve infatti attribuire la rinascita di questa zona viticola mai messa in rilievo;
  • Passopisciaro: qui c’è grande attenzione per la valorizzazione delle singole zone, qui chiamate contrade, come in Contrada G, che sta per contrada Guardiola, un vino prodotto da piante centenarie, che gli conferiscono profondità e complessità fatta di frutti scuri, erbe aromatiche, spezie e note balsamiche;
  • Tenuta delle Terre Nere: “L’Etna appartiene alla Sicilia come l’eccezione appartiene a una regola” dice Marco de Grazia, uomo dalla personalità forte e versatile, come il suo Calderara Sottana, con sentori caldi di frutti rossi e fiori macerati e accenni terrosi e di erbe officinali, che sorprende per l’equilibrio al palato.

Cosa mangiare in Sicilia

pasta alla norma

La cucina siciliana è l’espressione di una tradizione che rimanda all’antichità, strettamente collegata alle vicende storiche, culturali e religiose dell’isola. A stuzzicare l’appetito una lunga sfilza di antipasti, dagli arancini di riso, ai cazzilli (squisite crocchette di patate), ai crispeddi catanesi (frittelle). Molti anche i piatti che vedono protagoniste le melanzane (la caponata, la pasta alla Norma e la parmigiana). Così come quelli a base di pesce. Dal cuscus alla trapanese, alla pasta con le sarde o ‘cca muddica. Senza disdegnare prelibatezze all’insegna di tonno, pescespada, nasello e palombo. Alla carne spetta, invece, il ruolo di primadonna nelle badduzze (polpette).

Il famoso cannolo

E per finire la famosa pasticceria siciliana, con la cassata e il celebre cannolo, dove la ricotta e la pasta di mandorla regnano sovrane. Tra i prodotti agroalimentari vi sono il Cappero di Pantelleria IGP e il Pomodoro di Pachino IGP, gli oli extra-vergine di oliva, le arance rosse e la dolce uva di Canicattì, i fichi d’India e le olive di Nocellara del Belice, senza dimenticare i famosi formaggi, come il Ragusano e il pecorino, o gli insaccati come il salame di Sant’Angelo, infine, i fragranti prodotti da forno come la pagnotta di Dittaino.

Dove dormire in Sicilia

Foresteria Planeta
  • Monaci delle Terre Nere: a metà strada di un road trip sulla costa orientale della Sicilia, fra le città di Taormina e Catania, nei pressi di Zafferana Etnea, scintilla sotto il sole questo piccolo scrigno di tesori, dal fascino indiscusso ed esclusivo. Stanze di design, giardini romantici, una piscina con vista sul Monte Etna, in cui passare le ore migliori della giornata.
  • La Foresteria Planeta: uno dei luoghi più belli in cui soggiornare durante il nostro viaggio on the road in Sicilia. Un piccolo gioiello ben custodito nella campagna di Menfi e incastonato in giardini di spezie e lavanda e campi di viti al sole. Una bellissima piscina affacciata sul verde, da cui scorgere il mare in lontananza e una cura squisita per i dettagli, oltre che per la cucina e per l’offerta vinicola impareggiabile, vi conquisteranno.
  • Wine Relais Feudi del Pisciotto: avrete intuito dal nome che siamo in un altro luogo unico, in cui poter respirare il profumo della campagna siciliana e del buon vino. Una vineria ed eco-resort dallo stile rustico a 10 minuti di auto da Niscemi. Il Wine Ralais Feudi del Pisciotto è un luogo antico, ma dagli interni moderni e dal carattere elegante.

Entrate nei profumi e magia mediterranea della Sicilia e seguite i nostri consigli, per il perfetto itinerario del vino sulla strada Etna.