il blog di Dievole

Come produrre un olio di oliva extravergine da primo premio

Il progetto Olio di Dievole nasce nel 2014, diventando in poco tempo uno dei protagonisti del settore in Italia e nel mondo. Nel 2014, quando la mosca bianca e il maltempo avevano decimato la produzione di olive in toscana, abbiamo dato via ad una partnership con olivicoltori nelle regioni Basilicata e Puglia, mantenendo la frangitura in Toscana e seguendo rigorose normative. Nel 2015 e 2016 i nostri territori ci hanno graziati con la loro abbondanza, dandoci la preziosa possibilità di produrre ben sei varietà di olio di oliva extravergine. La caldissima estate 2017 ha avuto impatto sulle caratteristiche dell’olio prodotto, ma siamo comunque riusciti a produrre cinque oli di altissima qualità.

Volendo valorizzare ogni coltivazione abbiamo dato il via ad una linea di monocultivar, oli d’oliva fatti con una sola varietà di olivi, ciascuna con le proprie caratteristiche. Siamo felici di annunciare che i nostri oli d’oliva hanno vinto diversi riconoscimenti a livello mondiale. Ma cosa richiede la produzione di un olio d’oliva extra vergine di alto livello? Abbiamo identificato quattro componenti fondamentali nel nostro operato: la natura, le persone, la tecnologia e la trasparenza.

La Natura, la forza dietro il nostro olio di oliva

L1070438web

Potrà sembrare un’ovvietà ma in primis citiamo la natura che generosamente ci fornisce i nostri olivi e i loro abbondanti frutti, una natura che noi rispettiamo in ogni suo aspetto. Il vino Dievole è il risultato di un processo di agricoltura sostenibile, come lo è anche il nostro olio di oliva. Non facciamo uso di prodotti chimici nei campi o in qualsiasi altra fase della lavorazione.

Avere la natura dalla propria parte è in un certo senso, anche una questione di fortuna. Da molto tempo la proprietà di Dievole viene utilizzata per la produzione di vino, prodotti di agricoltura e olio di oliva, evidente riprova della sua eccellenza. Da qualche secolo Dievole fa parte del territorio Chianti Classico, dunque le varietà autoctone di olio di oliva leccino, frantoio e moraiolo si sono potuti fregiare del marchio DOP Chianti Classico. Altre aree di Italia sono ottime per la crescita degli olivi e ci forniscono con altre pregiate varietà, per questo lavoriamo anche su coltivazioni come la nocellara e la coratina in Basilicata, Puglia e Sicilia. Mentre nella Maremma Toscana crescono alcuni ulivi diversi da quelli coltivati nel Chianti Classico. Viene sempre applicata la filosofia e le modalità di Dievole, trattiamo ogni terra come se fosse la nostra, in maniera sostenibile e controllata per garantire l’eccellenza dei risultati.

Le Persone

La produzione dell’olio di oliva extravergine richiede molto impegno e lavoro. Da un lato è vero che l’attesa gioca un ruolo importante ma dall’altra l’attenzione ai dettagli e un costante monitoraggio sono vitali nel processo di crescita, come la velocità e l’intenso lavoro richiesti durante la raccolta.

Un buon olio non è solo il risultato del duro lavoro, è anche frutto dell’esperienza e delle menti dietro il progetto. Il progetto Olio di Dievole è affidato a Matteo Giusti, dove esperienza e passione portano alla perfetta fusione di sapori nei blend di oli extravergine, come il 100% Italiano amato dagli chef per il suo squisito equilibrio.

La Tecnologia

Al frantoio di Dievole

Al frantoio di Dievole

È vero che un buon olio di oliva nasce e cresce soprattutto in natura. Benché Dievole non desideri in alcun modo intralciare i processi naturali, una piccola dose di tecnologia può aiutare a preservare e valorizzare ciò che la natura ci regala. 

Non vi sono segreti in quello che facciamo e come lo facciamo. Un fatto importante che desideriamo sottolineare riguarda le olive del sud, che una volta raccolte vengono immediatamente e quotidianamente trasportate al nostro frantoio in Toscana (costruito recentemente a Pianella lungo la strada chiantigiana SS408). Effettuiamo questi spostamenti a fine giornata con un camion refrigerato, frangendo le olive di notte. In questo modo garantiamo una perfetta preservazione delle olive e delle loro qualità. 

Il frantoio è appositamente studiato per minimizzare ossidazioni. Il nostro olio extravergine d’oliva è spremuto solo una volta e a freddo, dopodiché viene filtrato per rimuovere le impurità. Al fine di evitare il contatto con l’aria, al termine del processo l’olio viene conservato il recipienti di acciaio inox, al riparo dalla luce e a temperature inferiori a 22°C. Dopodiché l’olio di oliva viene imbottigliato sottovuoto, processo che avviene solo su ordinazione. La bottiglia utilizzata riduce l’impatto di penetrazione raggi UV del 97%.

La Trasparenza

olioday_0031web

Il mondo dell’olio di oliva ha recentemente sofferto a causa di una prolungata mancanza di trasparenza, e per trasparenza non intendiamo la consistenza dell’olio bensì una chiarezza sull’origine e sulle componenti del prodotto. 

Sul nostro sito potrete trovare tutti i nostri oli di oliva e ogni scheda informativa riporta il luogo di provenienza. Ogni lotto ha una sua identità ben precisa e rintracciabile. Siamo stati uno dei primi produttori del Centro-Nord Italia a fare un orgoglioso uso delle olive del Sud, riconoscendo e portando alla ribalta le loro eccellenti proprietà. 

Durante il raccolto, se ci seguite su Facebook, twitter e Instagram, nel feed troverete foto di noi impegnati tra gli oliveti. Potrete osservarci mentre lavoriamo, dove lavoriamo. Siete invitati a venire a trovarci presso la nostra azienda in Toscana, dove crescono i nostri oliveti e vigneti e dove potrete degustare i nostri prodotti.

I nostri premi

Quindi eccoci qua, limpidi come l’aria: non abbiamo segreti. Per produrre un olio da premio come il nostro consigliamo semplicemente di seguire questi pochi e semplici passi con crescente esperienza e passione, ispirandosi alla natura stessa. Finora questa passione ci ha premiato: il nostro prodotto si è innalzato nel pantheon dei migliori oli d’oliva al mondo – testimone i vari premi ricevuti nel 2016 e negli altri anni. In particolare siamo orgogliosi di segnalare che la nostra Coratina monocultivar è stata premiata per tre anni di fila (è la prima volta che succede!) dal Mugelli Award del Los Angeles International Extra Virgin Olive Oil Competition 2017.