il blog di Dievole

Cosa vedere a Montalcino:  i posti migliori da visitare

Montalcino è uno di quei luoghi tipici che diventano impossibili da dimenticare. Situato appena a sud di Siena, nella bucolica Val D’Orcia, conserva ancora il suo aspetto cinquecentesco, poiché ancora circondato dalle storiche mura medievali. Qui troverete un paesaggio colorato da fiori, filari di cipressi, colline ondeggianti e incantevoli vigneti e uliveti. Montalcino è il luogo ideale per una rilassante giornata alla scoperta della natura. Ecco qualche utile consiglio per organizzare il vostro itinerario.

Cosa assaggiare a Montalcino

Vino

Montalcino è conosciuto in tutto il mondo per il Brunello di Montalcino. La nascita del risale al 1888, quando Ferruccio Biondi Santi decise di produrre il Chianti tradizionale utilizzando solo uve di varietà Sangiovese. Con il tempo è poi diventato notevolmente popolare, guadagnandosi anche la prestigiosa denominazione DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) nel 1980. In quest’area si produce anche il Rosso di Montalcino, una varietà che invecchia per meno tempo rispetto al Brunello, ma che vanta il notevole status di vino DOC (Denominazione di Origine Controllata).

Wine Tasting in cantina

La nostra cantina nella tenuta di Poggio Landi, situata nel cuore di Montalcino.

Montalcino è una delle terre più vocate di Toscana per la produzione del vino. Quale modo migliore per scoprire la produzione vitivinicola di questo territorio se non con un wine tasting? A Podere Brizio è possibile partecipare a una visita guidata ai vigneti, alla tinaia e alla bottaia, per conoscere le caratteristiche principali del terroir e delle nostre tecniche di vinificazione, seguita da una degustazione in una saletta privata e completamente dedicata ai tre vini prodotti: Rosso di Montalcino DOC, Brunello di Montalcino DOCG e Brunello di Montalcino DOCG Riserva. Non molto distante, a Poggio Landi potrete imparare di più sulla varietà che caratterizza i numerosi versanti del territorio di Montalcino, dove l’unione tra diverse altitudini, molteplici esposizioni e suoli di differente composizione, regala vini di grande carattere ed eleganza. Varietà che potrete constatare di persona durante la degustazione privata nella nostra enoteca, in cui scoprire la fragranza del giovane Rosso di Montalcino DOC, l’intensità e l’eleganza del Brunello di Montalcino DOCG e infine la classe e la complessità del Brunello di Montalcino Riserva DOCG.

Pici e Donzelline

Pici con Ragù di Anatra preparati dalla cucina di Podere Brizio

Le Donzelline sono un famoso antipasto fritto molto simili ai ravioli. Si preparano con una pasta burrosa, condita con acciughe, parmigiano, salame o pomodori, poi si friggono per pochi minuti prima di lasciarle raffreddare. Furono originariamente create per celebrare la Sagra del Tordo che, ancora oggi, anima le piccole stradine del borgo l’ultima domenica di ottobre. I Pinci (o semplicemente “Pici” in altri comuni toscani, ma non a Montalcino!) sono degli spaghetti più spessi, preparati con farina, acqua e filati a mano. Sono spesso conditi con ragù, cacciagione o con delle deliziose briciole di pane raffermo e formaggio. Una vera delizia!

Cosa vedere a Montalcino

Fortezza di Montalcino

4779881995_e5a52da7eb_b

La Fortezza di Montalcino | foto di Fulvio Ghiringhello via Flickr

La Fortezza di Montalcino risale al XIV secolo ed è stata costruita per essere integrata alle mura difensive del borgo. È uno dei punti più visitati ed è il perfetto esempio per comprendere com’era la città nel pieno splendore del suo passato medievale. A quei tempi Montalcino disponeva di numerose fabbriche per la lavorazione del cuoio, molto celebri per la qualità dei loro prodotti. In seguito, come accadde a molti centri abitati della provincia di Siena, anche Montalcino conobbe una gravissima crisi economica e demografica, accompagnata da avvenimenti particolarmente violenti che caratterizzarono l’intero Basso Medioevo. Oltre alla visita all’interno della Fortezza, assicuratevi di salire in alto sui bastioni per ammirare la vista mozzafiato. La Fortezza si trova sulla collina più alta del borgo e offre una vista spettacolare della campagna circostante e del resto di Montalcino.

Il Centro Storico

Nel centro storico di Montalcino non mancano le…enoteche!

Il centro storico di Montalcino è il cuore vero e proprio della città. I vicoli stretti, le stradine tortuose e i palazzi pittoreschi rendono questo borgo un sogno per ogni fotografo. Troverete molti negozi in questa parte di Montalcino, e sarà facile acquistare oggetti e souvenir adatti a tutti i gusti, dal vino al cibo, dall’arte ai prodotti artigianali. Assicuratevi di visitare anche la piazza principale del paese, piazza del Popolo, un gioiello toscano costruito seicento anni fa, con sei spettacolari archi rinascimentali nella annessa loggia.

Museo Storico del Vetro

Il Museo del Vetro è sicuramente un’altra attrazione da non perdere, soprattutto per ammirare l’enorme quantità di tesori di marmo e terracotta che custodisce. Si trova a circa 20 minuti dal centro storico, all’interno del castello di Poggio alle Mure. Un ambiente suggestivo in cui è possibile scoprire la storia del vetro e dei suoi mestieri, ma soprattutto ammirare la meravigliosa collezione di vetri che vanno dall’Antica Roma e Egitto, fino alle manifatture più recenti provenienti da Murano e Venezia.

Monumenti Religiosi e Arte Sacra

Chiesa di Sant’Egidio | Photo Alexandra Korey www.arttrav.com

La chiesa di Sant’Egidio è stata la chiesa ufficiale della Repubblica di Siena a Montalcino. Infatti, sulla parte superiore della facciata romanica è posizionato lo stemma di Siena, e al suo interno alcune opere di scuola senese del XV secolo. Se siete appassionati dell’arte tardo-medievale e del primo Rinascimento, non lasciatevi scappare una visita alla chiesa e monastero di Sant’Agostino in piazza Garibaldi. Custodisce varie opere del XIV secolo e si trova accanto al Museo Civico e Diocesano Riuniti; un museo che ospita maestose sculture in legno e in terracotta risalenti al XV, nonché una ricchissima selezione di arte sacra.

Il Duomo di Montalcino

Inizialmente una chiesa romanica del XI secolo, il Duomo di Montalcino è uno dei massimi esempi dell’architettura neoclassica del XIX secolo. Quando la chiesa originale fu demolita, l’architetto senese Agostino Fantastici costruì l’edificio attuale in uno stile drasticamente diverso dal resto della città. Fu completato nel 1832, ed è dunque uno degli edifici più moderni di Montalcino. Gli appassionati di architettura troveranno curiose le differenze tra questa chiesa e gli edifici medievali e rinascimentali che la circondano. L’interno è impreziosito da una splendida navata a colonnata e da meravigliosi dipinti che coprono tutte le pareti.

photo by Flickr Antonio Cinotti

La campagna di Montalcino | foto di Antonio Cinotti via Flickr

Che tu decida di passarci un pomeriggio o una notte, a Montalcino c’è sempre qualcosa da fare e nessuno rimarrà deluso: il foodie potrà assaggiare le prelibatezze locali, lo sportivo potrà fare trekking tra le colline e la natura circostante, gli amanti del vino potranno degustare un bicchiere di Brunello e infine gli amanti dell’arte e della cultura potranno perdersi tra le pittoresche strade che racchiudono e raccontano secoli di storia e tradizioni.

Dove dormire a Montalcino

La Foresteria di Podere Brizio in una splendida giornata di inizio estate.

Oltre ai wine tour, Podere Brizio, parte della grande famiglia Dievole in Toscana, offre anche un elegante servizio di ospitalità: camere spaziose e finemente arredate, un campo di tennis e area piscina attrezzate, un ristorante gourent e tutta la bellezza della campagna toscana. Il luogo ideale per una vacanza romantica o un meritato periodo di relax.

Immagine di Copertina di Antonio Cinotti